Pineta - Villa Santina

Area poco conosciuta nonostante il suo grande valore ambientale descritto anche da Michele Gortani ad inizio secolo: "Nell'area della Pineta si incontrano quasi sempre assieme alberi delle due specie resinose: Abete rosso e Pino silvestre; con l'eccezione della fascia più occidentale, vicina al Torrente Degano, che è solo a Pino silvestre. All'interno, solo in alcune aree ristrette si hanno abetine pure o solo pini; a volte alle due specie arboree principali si accompagnano gruppi di acacie o di frassini o di ornielli, più raramente gruppi di ontani o pochi tigli, rari le querce e i pioppi; quasi mai i salici raggiungono altezze superiori a qualche metro.
Sono però sufficienti minime variazioni ambientali per creare condizioni per lo sviluppo di sottobosco ricco di flora, altrimenti il corteo floristico rimane decisamente limitato.
Per fortuna queste variazioni sono frequenti, e sono dovute a diversi fattori: schiarite naturali, il recente taglio delle piante più vecchie, la presenza di canali d'acqua, il terreno argilloso, la vicinanza al greto del Fiume Tagliamento. Queste situazioni e il fatto che tutta l'area è attraversata da stradine e sentieri, che vanno in ogni direzione consentono una discreta libertà di movimento e un'interessante insieme floristico" (G. De Prato, "la flora del Parco").

Collocazione geografica

Come arrivare

Sabato, 11 Marzo 2017 - Ultima modifica: Lunedì, 27 Marzo 2017